ITALIANI JUNIOR E PROMESSE

Data Luogo Categoria
17 giugno 2011 Regione->Trentino Alto Adige
Pista->Outdoor

__Recensione
Grande festa per i piemontesi agli italiani Junior e Promesse

BRESSANONE – Di seguito la sintesi delle tre giornate che hanno visto gli atleti piemontesi impegnati ai Campionati Italiani Junior di Bressanone.

Venerdì 17 GIUGNO 2011

Parte col piede giusto l’avventura della pattuglia piemontese ai Campionati Italiani Junior e Promesse di Bressanone, sotto i riflettori da oggi a domenica 19 giugno.
Nella prima giornata conquistano il titolo tricolore Francesca Massobrio e Federico Tontodonati, atleti del Cus Torino, entrambi favoriti dai pronostici della vigilia e la biellese delle Fiamme Azzurre Valeria Roffino, veterana del titolo tricolore. Il bilancio dopo la prima giornata è di tre ori, tre argenti e tre bronzi (se contiamo anche il titolo di Roffino, e il bronzo della Negro, piemontesi tesserate fuori regione).

L’astigiana Francesca Massobrio, sotto la guida del nuovo tecnico Luca Ruffinengo, lancia 58,52 metri e si riprende quell’oro che lo scorso anno le era sfuggito. Già campionessa italiana cadetta e allieva nel 2009, quest’anno ha decisamente una marcia in più sulle sue coetanee che le ha consentito di superare i 60 metri e di realizzare più volte il minimo per i campionati europei junior di Tallin (21-24 luglio).

Anche Federico Tontodonati, sotto la guida del tecnico Sandro Damilano, sta costruendo la sua stagione in modo più che positivo; già in nazionale alla Coppa Europa di Marcia in Portogallo a Olhao a maggio dove chiude 13mo, e prima ancora a Podebrady nel classico incontro internazionale di inizio primavera, per lui adesso arriva il titolo tricolore under 23 con 41:35.65. Anche nel suo caso già ottenuto il minimo per i Campionati Europei Under 23 (Ostrava 14-17 luglio) e per le Universiadi estive.

Ottimo anche l’argento di Martina Amidei (Cus Torino) sui 100 metri femminili under 23, frutto di un progresso costante della torinese allenata da Michele Giacomini. La Amidei realizza infatti proprio a Bressanone il primato personale con 11.76 ottenuto in finale (già 11.79 in batteria) e arriva ad un soffio dal titolo che va alla favorita della vigilia Ilenia Draisci con 11.71. Unico rammarico l’aver mancato per 1 solo centesimo il minimo per gli Europei di categoria di Ostrava, obiettivo che sarà il fulcro della partecipazione della Amidei ai Campionati italiani assoluti del prossimo fine settimana proprio a Torino. Dopo il titolo junior dello scorso anno e la partecipazione ai mondiali junior 2010 di Moncton la velocista è senz’altro uno dei talenti da seguire in prospettiva.

Argento anche per Martina Merlo (Cus Torino) sui 3000 siepi junior con 11:19.07; anche per la Merlo un’importante conferma ad alti livelli dopo il titolo allieve 2010 sui 2000 siepi.

Dal mezzofondo un’altra medaglia con l’argento di Abdelmjid Ed Derraz (Vittorio Alfieri Asti) sui 5000 metri juniores; per l’italo marocchino già capace di vestire l’azzurro a marzo ai mondiali di cross, la conferma che anche in pista ha molte carte da giocare.

La marcia regala poi il bronzo femminile under 23 sui 5 km a Elisa Borio (Cus Torino) con 24:44.07. Netto miglioramento per la torinese che abbassa il proprio primato stagionale di più di mezzo secondo.

Da segnalare anche i 4° posti nel disco junior di Gianluca Bruno (Cus Torino) con 49,55 metri; e di Chiara Sabato (Cus Torino) nella marcia 5 km juniores con 25:36.93; la 5° piazza di Giulia Melardi (Vittorio Alfieri Asti) nel salto triplo junior con 11,88 metri.

Passeggia nella sua batteria di qualificazione sui 400 metri Michele Tricca (Atl. Susa) che si aggiudica il suo turno con 48.00, terzo tempo tra i partecipanti. Finale per lui domani alle ore 15.00 dove lo attende la sfida con l’avversario di sempre, Marco Lorenzi.

Peccato per Marouan Razine (Cus Torino) netto favorito sui 5000 metri e partito agile in testa ma poi costretto al ritiro per problemi di stomaco. Ora l’obiettivo è rimettersi in fretta per i 1500 metri di domenica.
Delusione anche per Carlotta Guerreschi (Vittorio Alfieri Asti) nel salto in lungo promesse; quest’anno la saltatrice astigiana aveva già superato i 6 metri ma oggi non ha trovato la pedana e finisce con due nulli e un terzo salto a 4,81 metri.

Da segnalare che dopo 4 gare (100 e 400 metri, lungo e peso) l’ocathlon allievi vede al 4° posto Edoardo Pellisetti (Vittorio Alfieri Asti) con 2738 punti e al 7mo Daniele Proverbio (Atl. Bellinzago) con 2608 punti.

Sabato 18 GIUGNO 2011

Anche la seconda giornata di Bressanone regala al Piemonte titoli e medaglie tra gli juniores e gli under 23, con grandi prestazioni tecniche. Tre ori, tre argenti e quattro bronzi il bilancio di oggi (sempre considerando gli atleti piemontesi tesserati fuori regione).
Verso la fine della giornata la pioggia disturba il programma rimandando a domani il salto in alto maschile promesse con Fassinotti e i 400 hs con Bencosme.

Il futuro del martello sembra piemontese e così, dopo l’oro di ieri di Francesca Massobrio, arriva oggi  oro e titolo per Lorenzo Puliserti (Atl. Piemonte) nel martello juniores maschile; per il vercellese seguito ad Giuseppe Paggio una grande prestazione, 67,62 metri che gli vale il primato personale e il minimo per gli Europei Juniores di Tallin.

Torna a laurearsi campione italiano Maurizio Tavella (Atl. Avis Bra) sui 3000 siepi promesse con 9:14.14; il diluvio che ritarda le gare non gli toglie concentrazione e così il cuneese seguito da Mauro Tibaldi torna a vestire, grazie ad una volata vincente, un titolo che aveva vinto da juniores nel 2009.

Un pizzico di delusione per l’argento di Michele Tricca (Atl. Susa), favoritissimo sui 400 metri juniores forte del 46.53 corso a Torino ai Campionati Regionali. Ad alto livello la sua finale dove si scontra con il rivale di sempre, il trentino Marco Lorenzi: parte a tutta Tricca, appaiati fino ai 200 metri, nella curva Lorenzi prende margine e si presenta sul rettilineo finale in testa. Risultato finale: Lorenzi primo con il nuovo primato italiano juniores, 46.39, un gran tempo, ma Tricca è subito lì a 46.59. Più lontani gli altri ma ci sono tutti gli ingredienti per immaginare una staffetta 4×400 da medaglia agli Europei Juniores. E naturalmente margini di miglioramento per Tricca (sui 400 metri era la sua seconda uscita stagionale) già la prossima settimana ai tricolori assoluti di Torino.

Argento inatteso nell’asta juniores per Stefano Data (Sisport) con 4,40 metri. Classifica rocambolesca questa dove, dopo il campione italiano David Buldini a 4,80 metri sono tre gli atleti pari merito al secondo posto con uguale progressione di gara: Stefano Data appunto, Marco Esposti e Aaousie Rabil. Il torinese con questa prova eguaglia il proprio primato personale stagionale.

Per la cuneese Giulia Liboà (Atl. Mondovì) arriva il bronzo nel salto in lungo juniores con 5,97 metri; sembra davvero che quest’anno per la Liboà i 6 metri siano stregati. Buona comunque la sua serie con anche un 5,93 metri.

Bronzo sotto la pioggia per Alexa Giussani (Atl. Bellinzago) sui 5000 metri under 23 con 17:32.55, primato personale stagionale che, viste le condizioni atmosferiche in cui è arrivato, vale doppio.

Bronzo anche per Beatrice Curtabbi (Cus Torino) sugli 800 metri juniores con 2:13.98; per lei il ritorno sul podio tricolore dopo il titolo allieve sui 1500 metri nel 2009.

Da segnalare il 4° posto ai piedi del podio di Giulia Cazzamani (Sisport) nell’asta promesse con 3,50 metri. Medaglia di legno anche per Alessandra Giraudo (Atl. Saluzzo) sui 5000 metri junior con un crono di 18:27.69.
Bene anche Laura Oberto (Atl. Canavesana), campionessa italiana juniores di prove multiple in carica che chiude al 5° posto i 100 hs con 15.46 (per lei anche un 13mo posto nel salto in lungo con 5,50 metri). 5° piazza anche per Andrea Pelissero (Atl. Susa) sui 3000 siepi juniores con 9:35.29.
Buoni risultati poi delle atlete piemontesi impegnate sui 5000 metri promesse: dietro il bronzo della Giussani da segnalare il 5° posto di Federica Scidà (Runner Team) in 17:40.43, il 6° di Giorgia Morano (Cus Torino) in 17.45.41 e il 10mo di Mina El Kanoussi (Atl. Saluzzo) in 18:12.92.

Nelle batterie di oggi in evidenza ancora una volta Martina Amidei (Cus Torino) sui 200 metri promesse; dopo l’argento sui 100 di ieri oggi l’atleta torinese con 24.59 ottiene il terzo miglior tempo di ingresso nella finale di domani.

ALLIEVI
Nell’octathlon svanisce sui 1000 metri, proprio l’ultima delle 8 prove, il sogno di bronzo di Edoardo Pellisetti (Vittorio Alfieri Asti). Terzo fino all’ultima gara, l’astigiano si deve purtroppo accontentare del 4° posto con 5230 punti a soli 80 punti dall’ultimo gradino del podio occupato da Samuele Chiari. Ottima prova comunque per Pellisetti che firma così il suo nuovo primato personale.
8° piazza per Davide Sottile (Atl. Valsesia) con 5065 punti; anche per lui nuovo primato personale.

Domenica 19 GIUGNO 2011

Terza e ultima giornata ai campionati italiani juniores e promesse e ancora non mancano medaglie pesante e titoli per i piemontesi. Lo score di oggi parla di 4 ori, 5 argenti, 3 bronzi. Il totale della tre giorni però è di 10 ori, 11 argenti e 10 bronzi per un complessivo di 31 medaglie (comprese quelle degli atleti piemontesi tesserati fuori regione e per i gruppi sportivi militari) che dimostrano come l’atletica piemontese in pista tra i 18 e i 23 anni goda buona salute (da sottolineare anche il progresso rispetto al 2010 dove si era arrivati a 25 medaglie totali).

Venerdì ci aveva provato a timbrare il cartellino per Ostrava sui 100 metri ma un solo centesimo gliel’aveva negata. Martina Amidei (Cus Torino) non si è però persa d’animo, ha recuperato energie ed ecco che oggi ad attenderla alla fine dei 200 metri under 23 di Bressanone c’era non solo il titolo italiano ma proprio la maglia azzurra per gli Europei di categoria appunto a Ostrava. 23.98 il riscontro cronometrico della torinese allenata da Michele Giacomini, suo nuovo primato personale e miglior prestazione stagionale italiana. La Amidei si mette così alle spalle la Draisci che venerdì l’aveva preceduta sui 100 metri, registra un notevole progresso (24.21 il suo miglior crono stagionale prima di oggi) ma soprattutto centra quel minimo (24.10 era il crono richiesto) che mancava per proseguire il lavoro di preparazione con la dovuta tranquillità. Chissà che a Torino ai campionati assoluti non arrivino ulteriori progressi.

Un altro argento arriva dal mezzofondo grazie a Marouan Razine (Cus Torino) che sui 1500 metri si prende in parte la rivincita contro la sfortuna che l’aveva messo ko sui 5000 metri per problemi di stomaco. La buona sorta però non gli sorride fino in fondo neppure oggi visto che l’oro sfuma soltanto in volata. Possibilità di rifarsi subito a Torino tra una settimana.

Sono d’argento anche due staffette del miglio targate Cus Torino: la 4×400 juniores uomini (Magnone, Boggio, Iyamu, Gadaleta) con 3:25.76, e la 4×400 under 23 donne (Noce, Musso, Pasquotto, Amidei) con 4:01.00.

Sui 400 hs juniores è lotta aperta per il secondo posto in maglia azzurra agli Europei di Tallin alle spalle di Bencosme; tra i quattro che oltre a lui hanno già centrato il minimo si fa strada a Bressanone il torinese Marco Gadaleta (Cus Torino) che fa suo il terzo posto e quindi il bronzo con 53.26, suo nuovo primato stagionale.

Dal disco femminile arriva il bronzo con Ilaria Marchetti (Cus Torino) con 48,58 metri (quest’anno già sopra i 50 metri), al primo anno di categoria tra le under 23.

Bronzo anche per la 4×400 promesse maschile del Cus Torino (Falco, Sapienza, Gemello, Putero) con 3:21.62.

Tra gli altri risultati da segnalare il 5° posto di Francesco Carrera (Cus Torino) sui 1500 metri under 23 in 3:55.40; stessa piazza dopo il titolo nel martello per Lorenzo Puliserti (Atl. Piemonte) nel peso juniores con 15,18 metri; 6° posto per Alice Sauda (UGB) sui 400 hs juniores con 1:03.84 davanti a Monica Giardino (Cus Torino), 8° in 1:04.65; 7ma Marina Ricci (UGB) sui 400 hs under 23 in 1:04.43; 8° Beatrice Curtabbi (Cus Torino) sui 1500 metri in 4.49.67 dopo il bronzo sui 5000 metri; 10mo Arturo Villa (Atl. Piemonte) sui 1500 metri junior in 4:04.18.

ALLIEVE
Nell’eptathlon allieve si ferma ad un passo dal podio Arianna Curto (Cus Torino) con 4077 punti (il bronzo resta a 4082 punti). Per lei migliori prestazioni tecniche sui 200 metri con 26.49 e sui 100 hs con 16.04. Alle sue spalle Marta Rosato (Atl. Canavesana) 9° con 3912 punti. Crolla invece nelle ultime due prove, giavellotto e 800 metri, Ashley Rambo (Sisport), sempre 2° fino ad allora ma che poi finisce addirittura 18ma (3773 punti).

Ufficio Stampa Fidal Piemonte
Myriam Scamangas

__Informazioni